Danneggiate le linee di Nazca: il camion sbaglia strada e rovina il sito

Danneggiate le linee di Nazca: il camion sbaglia strada e rovina il sito

Jainer Jesus Flores Vigo, 40 anni, è stato arrestato per aver rovinato alcune delle antichissime linee di Nazca, in Perù. L’uomo ha ignorato i cartelli stradali che vietano l’accesso all’area del sito, patrimonio Unesco e ha guidato per oltre cento metri sopra i millenari geoglifi rovinando alcune linee del famoso sito.  Le autorità peruviane hanno reso noto che le ruote del veicolo hanno lasciato grossi solchi su un’area di 50 metri per cento.

Danneggiate le linee di Nazca: il camion sbaglia strada e rovina il sito
Danneggiate le linee di Nazca: il camion sbaglia strada e rovina il sito

Si ritiene che i geoglifi siano stati tracciati durante la fioritura della Civiltà Nazca, tra il 300 a.C. ed il 500 d.C. da parte della popolazione che abitava la zona: i Nazca.

La pianura di Nazca non è ventosa e il clima è piuttosto stabile così i disegni giganti sono rimasti intatti per centinaia di anni.

A causa della superimposizione dei motivi, si crede che essi siano stati realizzati in due tappe successive: prima le figure e poi i disegni geometrici. Ciò nonostante, a causa delle caratteristiche del suolo è molto difficile poter datare con sicurezza il periodo in cui furono costruite, specialmente per la difficoltà di applicare il sistema di datazione con il Carbonio 14, che non ha dato risultati soddisfacenti. Gli scienziati si sono avvalsi di altri metodi, come il confronto tra le figure dei geoglifi e quelle trovate sul vasellame della civiltà Nazca.

Le autorità peruviane hanno fatto sapere che dopo questo incidente la sorveglianza del sito sarrà incrementatata. Non è la prima volta che il sito Unesco viene danneggiato: nel 2014 un attivista di Greenpeace aveva lasciato alcune impronte di piede vicino al disegno di un colibrì mentre posizionava la scritta a grandi lettere gialle “Time for change”

loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...